Acido Lattico cosa fare

Acido lattico cosa fare per porre finalmente rimedio a questo problema che sembra incidere sui nostri allenamenti.

Quante volte avete sentito o avete detto “sono pieno di acido lattico”?

Bene, io tantissime volte e ogni volta cerco di far capire che quei dolori che sentiamo 24 o 48 ore post allenamento non sono dovuti all’accumulo di acido lattico, ma sono la conseguenza di microtraumi muscolari in seguito ad un nuovo o intenso allenamento.

Tutta colpa dei DOMS

Questi dolori letteralmente possono essere chiamati DOMS dall’inglese DELAYED ONSET MUSCLE SORENESS, più semplicemente “indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata”.

Questo fenomeno viene di solito riscontrato da tutti, atleti e non; indipendentemente dal livello di allenamento dopo uno sforzo fisico intenso, dopo un cambio di programma oppure alla ripresa degli allenamenti a seguito di uno stop più o meno lungo.

Uno sforzo intenso a livello muscolare, soprattutto se il soggetto non è adeguatamente allenato, provoca ai muscoli numerosissime microlesioni, ma sarà proprio la risposta e l’adattamento del nostro corpo allo sforzo a migliorare le nostre capacità e resistenza alla fatica.

Acido lattico esiste

acido lattico rimedi

L’acido lattico esiste, è un sottoprodotto del metabolismo anaerobico lattacido e si accumula durante gli esercizi che utilizzano carichi pesanti con brevi tempi di recupero oppure con carichi medio alti facendo altissime ripetizioni, ma viene smaltito entro un’ora post allenamento e anche prima se si effettua un buon defaticamento

Inoltre è un amico degli uomini in quanto un aumento provoca la diminuzione del PH nel sangue permettendo una grossa secrezione di GH (Ormone della Crescita) per questo motivo esercizi con i pesi ad alta intensità, con pause non troppo lunghe, aumentano la massa muscolare.

Quindi acido lattico e dolori muscolari come abbiamo potuto vedere non hanno nessuna correlazione, i dolori muscolari che sentiamo post allenamento non sono da attribuire all’acido lattico ma ad un allenamento intenso che ha portato nel nostro muscolo microlesioni, quindi per l’acido è inutile ricorrere ai rimedi della nonna, prendere l’aspirina per acido lattico non ci porterà a nessun miglioramento.

L’indolenzimento muscolare sarà naturale e il segnale di un allenamento intensivo ed ad alta intensita’, quindi non dobbiamo preoccuparci e cercare rimedi per i dolori muscolari ma attendere perché quello è il segnale che il nostro corpo e i muscoli stanno diventando più forti e resistenti.

Se non hai mai provato questi dolori e puoi provare questo push up challenge per avere acido lattico sui pettorali e dolori muscolari su tutta la parte alta del nostro corpo.

Acido lattico da scartare

È una sostanza prodotta naturalmente dal nostro organismo e non necessariamente deve essere legata ad una prestazione sportiva o allenamento, è molto utile per l’organismo soprattutto per dare energia ai tessuti e viene prodotto dalle cellule come rimedio alla mancanza di ossigeno quando la richiesta energetica è maggiore di quanta il corpo ne produca normalmente.

Un eccesso di acido lattico si riversa nei capillari e poi attraverso la circolazione arriva al fegato per essere di nuovo utilizzato (trasformazione dell’acido lattico in glucosio, ciclo di Cori).

Acido lattico rimedi

La legge della super compensazione ci porta a comprendere che per migliorare una prestazione, oltre ad essere importante la stessa prestazione, anche un adeguato riposo per risanare e rigenerare i muscoli è fondamentale. Può essere definito l’unico rimedio per far smaltire i dolori post allenamento, ma anche un adeguata alimentazione ricca di vitamina Efrutta, verdura e frutta secca migliorerà il recupero muscolare post allenamento.

Quando si è colpiti da dolori muscolari i rimedi possono anche essere:

  • un bagno calco, aiuta a rilassarsi, a distendere la muscolatura poi il calore porterà un maggiore flusso sanguigno nelle zone colpite da indolenzimento.
  • Il magnesio contribuirà a smaltire l’acido lattico, sostanza che si può trovare negli alimenti come mandorle e spinaci oppure in bustine già pronte associate al potassio. Questa combinata è molto usata per la prevenzione dei crampi muscolari post-gara.

il triangolo perfetto per il miglioramento di una prestazione è formato da: Allenamento, Alimentazione e Riposo.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *